Passa ai contenuti principali

Alzi la mano chi non ha mai detto una bugia?

Disegno a matita di Flavio Lappo

Le bugie fanno parte della nostra vita quotidiana, non hanno sesso né età: alzi la mano chi non ne ha mai detta una? Ci sono bugie involontarie e bugie volontarie. Qualche anno fa la Cassazione ha stabilito che non è reato dire bugie per difendere l’amante, difendere cioè il suo onore dal pubblico dileggio. Questa può considerarsi una legalizzazione del mentire? Direi di no, è solo un richiamo all’onore e alla privatezza della persona quando per la legge non ci sono di mezzo fatti gravi. La cosa che a noi interessa è il mentire per il gusto di farlo al di là del bisogno di scagionare. Per questo motivo osserviamo i nostri bambini e il loro rapporto col mentire. Chi ama raccontare tante panzane lo fa spesso per realizzare un desiderio che può essere quello di, almeno nella fantasia, vivere una vita gratificante e allora racconta di essere un pilota, una modella o amico/a di un vip. Raccontare le bugie è un’arte, sono necessari alcuni requisiti: 1) avere ottima memoria per non cadere in contraddizione 2) possedere spiccate capacità per giustificare in modo credibile eventuali gaffe 3) spirito istrionico per essere creduti. Il mentire è anche un utile strumento per crearsi uno spazio privato (fantastico o reale) inaccessibile a chicchessia. E allora vediamo che chi ama mentire è una persona che ha avuto poca libertà d'azione fin dalla più tenera età, non è riuscita ad attirare a sé le persone, per cui ha dovuto per raggiungere l’intento costruirsi una realtà parallela più interessante della propria. Ricordo un bambino che, vivendo lontano dal padre per molti mesi all'anno, dovette crearsi una vera e propria realtà immaginaria per tollerare il dolore della mancanza. Quindi raccontava di aver trascorso il fine settimana in una località di mare dove sapeva che il padre si recava per lavoro, impreziosendo il racconto con particolari del tutto inventati ma pertinenti. Questo eccessivo uso della bugia fantastica gli procurò uno squilibrio del comportamento che intaccò i suoi rapporti con gli altri. Ciò ci insegna che la bugia fantastica aiuta entro certi limiti, ma non può e non deve sostituire la gratificazione concreta, questo vale per tutti i nostri rapporti con le cose e con le persone. Fondamentale è non mentire a se stessi, la filosofia a partire da Socrate ci ha insegnato ad eliminare le false idee della mente attraverso un interrogarsi critico alla ricerca di risposte vere.
Maria Giovanna Farina

Commenti

Post popolari in questo blog

E' interessato a te? Comprendilo dai suoi gesti

Per comunicare bisogna stabilire un codice tra noi e il nostro interlocutore: parole, scrittura, alfabeto Morse, segnali di fumo... Ci sono quattro principi fondamentali per comprendere un messaggio: 1° Non esiste una comunicazione verbale isolata, è quasi impossibile parlare senza fare alcun cenno 2° La comunicazione non-verbale invece può esistere isolata, mentre si tace ci si può toccare l’anello, i capelli, il naso... 3° Il silenzio e il rifiuto di parlare possono esprimere un messaggio, è un modo di attirare l’attenzione 4° Molto spesso non si è coscienti della propria comunicazione non-verbale La comunicazione non-verbale (i movimenti del corpo) è involontaria e accompagna ciò che si dice, senza che sia possibile dominarla completamente. È possibile invece controllare certe espressioni facciali, ma è molto più difficile tenere fermi intenzionalmente piedi e mani. La comunicazione non-verbale porta la verità nella comunicazione, è rivelatrice di bugie. E allora eccoci in vacanza. No…

Ascolta il tuo corpo

Ippocrate di Cos, padre della medicina moderna, aveva compreso già nel V secolo a.C. l’importanza dell’influenza della mente sul corpo gettando le basi della moderna Psicosomatica. Facendo un salto e giungendo al XVII secolo incontriamo Renato Cartesio che a detta di molti avrebbe inferto un duro colpo d’arresto a questo progresso con la sua divisione dell’uomo in res cogitans et resextensa. Non credo che il fine di Cartesio fosse quello di creare una separazione tra mente e corpo,ma se così fosse ricordo che il vero filosofo, amando la sapienza-conoscenza, non prende nessuna idea per buona, ma la analizza in modo razionale cercando di salvare ciò che è utile ed eliminando ciò che è dannoso per l’uomo. E’ sottinteso che per il filosofo le teorie sono suscettibili a cambiamenti. Possiamo quindi asserire che la mente è separata dal corpo quando c’è carenza di “ascolto del corpo”. Il corpo non mente, analizzando i suoi comportamenti possiamo capire meglio i nostri interlocutori. Il mio s…

Ascolta il tuo fiuto

L’olfatto è un importante mezzo di comunicazione che ci mette in contatto con il mondo. Ci sono aromi che ci attraggono positivamente come quello del pane appena sfornato o il profumo di certi fiori, per giungere all'essenza che ci spruzziamo prima di uscire di casa. Ci sono odori che ci mettono in allarme come quello di bruciato, questo richiamo olfattivo è in grado di attivare le paure più ataviche come quella del fuoco. Un odore possiede anche la capacità di renderci allegri o tristi a seconda dell’evento a cui lo associamo: se ci conduce con la mente nel passato può ad esempio ispirarci nostalgia. Ai fini specifici delle relazioni con gli altri, l’aspetto più interessante dell'olfatto come organo di senso è la sua capacità di captare i messaggi non verbali della comunicazione. Gli odori che appartengono ai nostri interlocutori sono un mezzo utile per conoscerli meglio. Chi ad esempio si spruzza molto profumo può voler comunicare il desiderio di prevaricare l’Altro, ma non …