Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2018

Tutti abbiamo una vita parallela

Tutti abbiamo una vita “parallela”? Certo è che ci sarà capitato di immaginarci situazioni nuove: semplici, complesse, avventurose o addirittura al limite della realtà. Immaginarci di intraprendere il viaggio dei nostri sogni dall'altra parte del mondo o vincere la lotteria oppure ancora amare la donna o l'uomo dei sogni: ecco, proprio di sogni ad occhi aperti stiamo parlando. In generale si tende a credere che la fuga nel sogno lontano dalla quotidianità sia un modo per non affrontare la vita: questo è solo un aspetto del fenomeno, certamente chi si crea una vita immaginaria un po' fugge per trovare consolazione, ma non si tratta solo di questo. Il fisico-matematico e filosofo Ernst Mach parlava di Esperimento mentale, un procedimento utile per testare le nostre ipotesi nella risoluzione del problemi. Se ad esempio voglio andare a fare una gita posso immaginare mentalmente il percorso, le vivande da portare, a come vestirmi, ecc. Non è questo un modo per sperimentare e q…

Di che vacanza sei?

A volte le vacanze si trasformano in veri e propri tour de force, per mettere alla prova le nostre risorse magari ci lasciamo trascinare anche in situazioni estreme. Ma quanto è la moda del momento ad influenzare le nostre scelte? E quanto un vero desiderio di avventura? Se preferiamo la comodità di un bel hotel sul mare con tutti i comfort anziché dormire in un sacco a pelo non dobbiamo sentirci dei rammolliti, ma semplicemente delle persone che amano le vacanze tranquille e comode visto che la vita è già abbastanza dura tutto l’anno. Forse ciò che lusinga maggiormente gli improvvisati avventurosi è l’amore per le novità unito al fascino che emanano quanti, muniti di zaino e scarponi, hanno trascorso le vacanze sulle Alpi alla ricerca di qualche animale in via di estinzione. È vero, fanno un po’ invidia certi fisici atletici e abbronzati di quel bel color biscotto che solo l’alta quota sa donare e ingenuamente crediamo di poterli emulare. Chi parte per simili vacanze deve essere un e…

Perché non riesco a finire di leggere un libro?

A volte ci lamentiamo perché non riusciamo a condurre fino in fondo la lettura di un libro, eppure avevamo iniziato con entusiasmo e poi ci siamo incagliati a metà e la sola idea di continuare ci fa morire di noia. Non è il caso né di avvilirci né di abbandonarci alla certezza che non ce la faremo mai, dobbiamo invece tenere presente alcune considerazioni utili per superare il nostro blocco. Prima di tutto ricordiamo che ora non siamo più a scuola e di conseguenza abbiamo l’assoluta libertà di scegliere le nostre letture tenendo conto di desideri e preferenze. Per avere un buon approccio alla lettura è bene iniziare da qualcosa che ci attragga e che desti la nostra curiosità. Sappiamo benissimo che nella vita quotidiana ciò che può essere noioso per molte persone non lo è per chi ne attratto. Quando scegliamo i libri, se siamo dei lettori poco abili, curiamoci che non siano troppo ricchi di pagine perché la possibilità di arrivare fino in fondo sarebbe più a rischio. Quando andiamo i…

Esiste la fortuna?

Siamo soliti definirci fortunati o sfortunati a seconda degli esiti più o meno positivi delle nostre vicende quotidiane. Essere fortunati o sfortunati è un marchio che ci trasciniamo dietro e che spesso influenza le nostre decisioni, un modo di valutare i nostri risultati che può diventare una zappa sui piedi quando blocca il nostro essere-quello-che-siamo. È stato Aristotele ad analizzare per primo la fortuna sostenendo che si può parlare di caso fortuito solo quando ciò che accade potrebbe essere frutto di una scelta, ma non lo è. In che senso? Ad esempio incontro qualcuno che mi deve dei soldi: potevo andare da lui e chiederli, ma non lo ho fatto. In questo caso ho avuto fortuna, il caso me lo ha fatto incontrare. Nella vita possiamo trovarci per caso al posto giusto e ciò può significare nuove prospettive nel lavoro, un nuovo amore e in generale nuovi orizzonti. Stiamo parlando di fortuna come caso e non di fortuna come destino nel modo in cui intendevano gli antichi Romani, ma al…

Parolacce: da usare con cautela

Le cosiddette parolacce sono ormai da tempo nel nostro comune modo di esprimerci, c'è chi le condanna senza appello e chi ne fa un uso smodato: come sempre in medio stat virtus, la virtù sta nel mezzo. Quando le parole gergali più o meno sconce, lasciando fuori dal discorso le bestemmie che vanno a toccare la sensibilità religiosa delle persone o le imprecazioni contro la madre, entrano troppo nel lessico quotidiano, impoveriscono il linguaggio. In frasi tipo: “Cosa vuoi? Che cos'è questo oggetto? A cosa stai pensando?” il termine “cosa” viene spesso sostituito con una parolaccia che non devo star qui a ripetere. Già il termine generico cosa andrebbe sostituito quando possibile, ma se al suo posto mettiamo la solita parolaccia ecco che ci riduciamo a parlare come dei semianalfabeti; pensiamo a cosa accade ai bambini se non crescono con la possibilità di abituarsi ad un esprimersi ricco di vocaboli. Non imparano la lingua in modo appropriato e crescono con gravi lacune in Itali…

Cosa significa essere liberi

Cos'è la libertà? Già gli Stoici nel III secolo a.C. ritenevano la libertà una scelta del soggetto, per cui solo il sapiente è libero perché vive secondo natura conformandosi al destino. Ciò significa che sono libero se conosco le cose: se tu conosci le cose non hai sorprese e il tuo comportamento è libero da falsi pregiudizi. C’è uno stretto legame tra libertà e volontà, ad esempio non è punibile chi commette il male contro la propria volontà: non possiamo condannare chi commette una cattiva azione perché costretto. Parlare di libertà vuol dire anche fare i conti con il tema teologico del libero arbitrio, secondo cui l’uomo sarebbe libero di scegliere di commettere il male oppure no. Socrate sosteneva che l’uomo commette il male per ignoranza quando cioè non conosce la via del bene. Il libero arbitrio prevede invece un uomo che conosce e può scegliere. Rimanendo in tema di libertà desidero fare un esempio riferendomi a San Francesco d’Assisi la cui storia ci è nota. Nel famoso fi…