Passa ai contenuti principali

il collezionismo



Quando il collezionismo occupa eccessivamente lo spazio degli altri diventa un ostacolo per la vita in comune. È interessante considerare l’oggetto che si sceglie: spesso è casuale, ma in tanti casi dice molto dei bisogni della persona, comunica qualcosa di importante da non sottovalutare e se continua non è più casuale.
Ma cosa è il collezionismo? Ognuno di noi ha iniziato almeno un volta nella vita una raccolta, a partire da quella di figurine nell’infanzia per giungere ad oggetti di vario tipo da adulti. I pezzi di una collezione possono essere di materiale prezioso ma anche di plastica, per il collezionista non ha alcuna importanza il componente, ciò che conta è l’oggetto e le sue svariate rappresentazioni. Riflettendo possiamo subito dedurre che chi colleziona si appropria di copie diversificate, anche minimamente, della stessa cosa. Il suo desiderio è possedere sempre più oggetti, i più rari, i più strani, quelli che non possiede nessuno, è un po’ come dire “Io sono arrivato a possederli tutti”. Se da un lato questo può apparire un atteggiamento infantile, dall’altro possiamo considerarlo un bisogno di rassicurazione. Chi possiede tutte le versioni (cosa impossibile) di una bottiglia possiede la bottiglia e quindi ciò che essa rappresenta per lei o per lui. Collezionare è, dal mio punto di vista filosofico, possedere la storia: gli oggetti collezionati ricordano i vari momenti in cui sono entrati nella nostra vita, dicono l'epoca in cui sono stati costruiti... Se osserviamo però il collezionista ci accorgiamo che non raggiunge mai l’appagamento, è felice quando aggiunge un nuovo pezzo alla sua raccolta, ma torna smanioso subito dopo. L’oggetto dei desideri consente di mettere in luce qualcosa di cui siamo privi, quindi la collezione può darci anche l’illusione di colmare una vuoto.
Il collezionismo si può considerare come il gatto che si morde la coda, un'azione che non raggiunge mai l’obbiettivo, a meno che si decida di terminare la raccolta. Possiamo concludere dicendo che il collezionista va lasciato fare, solo in casi estremi se dilapida ad esempio il patrimonio di famiglia, o pericolosi come nel caso dei serial-killer, è necessario intervenire. (Segnalo un caso particolare da me trattato, “Il collezionista di Barbie”) http://www.mariagiovannafarina.it/barbie.html

Commenti

Post popolari in questo blog

E' interessato a te? Comprendilo dai suoi gesti

Per comunicare bisogna stabilire un codice tra noi e il nostro interlocutore: parole, scrittura, alfabeto Morse, segnali di fumo... Ci sono quattro principi fondamentali per comprendere un messaggio: 1° Non esiste una comunicazione verbale isolata, è quasi impossibile parlare senza fare alcun cenno 2° La comunicazione non-verbale invece può esistere isolata, mentre si tace ci si può toccare l’anello, i capelli, il naso... 3° Il silenzio e il rifiuto di parlare possono esprimere un messaggio, è un modo di attirare l’attenzione 4° Molto spesso non si è coscienti della propria comunicazione non-verbale La comunicazione non-verbale (i movimenti del corpo) è involontaria e accompagna ciò che si dice, senza che sia possibile dominarla completamente. È possibile invece controllare certe espressioni facciali, ma è molto più difficile tenere fermi intenzionalmente piedi e mani. La comunicazione non-verbale porta la verità nella comunicazione, è rivelatrice di bugie. E allora eccoci in vacanza. No…

Ascolta il tuo corpo

Ippocrate di Cos, padre della medicina moderna, aveva compreso già nel V secolo a.C. l’importanza dell’influenza della mente sul corpo gettando le basi della moderna Psicosomatica. Facendo un salto e giungendo al XVII secolo incontriamo Renato Cartesio che a detta di molti avrebbe inferto un duro colpo d’arresto a questo progresso con la sua divisione dell’uomo in res cogitans et resextensa. Non credo che il fine di Cartesio fosse quello di creare una separazione tra mente e corpo,ma se così fosse ricordo che il vero filosofo, amando la sapienza-conoscenza, non prende nessuna idea per buona, ma la analizza in modo razionale cercando di salvare ciò che è utile ed eliminando ciò che è dannoso per l’uomo. E’ sottinteso che per il filosofo le teorie sono suscettibili a cambiamenti. Possiamo quindi asserire che la mente è separata dal corpo quando c’è carenza di “ascolto del corpo”. Il corpo non mente, analizzando i suoi comportamenti possiamo capire meglio i nostri interlocutori. Il mio s…

Ascolta il tuo fiuto

L’olfatto è un importante mezzo di comunicazione che ci mette in contatto con il mondo. Ci sono aromi che ci attraggono positivamente come quello del pane appena sfornato o il profumo di certi fiori, per giungere all'essenza che ci spruzziamo prima di uscire di casa. Ci sono odori che ci mettono in allarme come quello di bruciato, questo richiamo olfattivo è in grado di attivare le paure più ataviche come quella del fuoco. Un odore possiede anche la capacità di renderci allegri o tristi a seconda dell’evento a cui lo associamo: se ci conduce con la mente nel passato può ad esempio ispirarci nostalgia. Ai fini specifici delle relazioni con gli altri, l’aspetto più interessante dell'olfatto come organo di senso è la sua capacità di captare i messaggi non verbali della comunicazione. Gli odori che appartengono ai nostri interlocutori sono un mezzo utile per conoscerli meglio. Chi ad esempio si spruzza molto profumo può voler comunicare il desiderio di prevaricare l’Altro, ma non …