Passa ai contenuti principali

La ri-cerca del tesoro


La ricerca del tesoro è una tematica ricorrente in tanti romanzi d’avventura, basta ricordare il celebre romanzo di A. Dumas (padre) Il conte di Montecristo. Per vedere l’isola Montecristo, che è una riserva naturale dal 1971 abitata da due guardiani e due guardie forestali, dobbiamo avventurarci in barca al largo dell’arcipelago toscano (l’isola si trova a circa 45 Km sud dell’isola d’Elba) perché non si può approdarvi senza autorizzazione. Questo ammasso roccioso ha ispirato una storia a lieto fine utile per le nostre riflessioni. La trama è nota, Edmond Dantes viene incarcerato ingiustamente, ma trova il suo riscatto sociale e umano grazie ad un abate che lo erudisce in carcere e gli rivela la presenza di un tesoro nell’isola di Montecristo. Dopo l’evasione Edmond va alla ricerca, trova il tesoro…. Ritorna in mezzo agli altri completamente rinnovato. Una storia che dà la speranza e la spinta a non arrendersi agli abusi perché l’onestà trionfi. Nella vita reale non sempre le ingiustizie trovano riscatto, ma se spostiamo sul piano simbolico l’intera vicenda, (ricordiamo che la filosofia si occupa anche della lettura simbolica del reale) ci rendiamo conto che l’isola non è che l’individuo privo di relazioni, la mancanza di scambi con gli altri è una prigione dalla quale si può uscire se si intraprende la ricerca di sé. La ri-cerca di quel tesoro che c’è in ognuno di noi ci allontana dall’isola dell’isolamento. Magari è nascosto in fondo al mare della dimenticanza e la ricerca diventa più intensa e difficile, ma ne vale sempre la pena. Nei romanzi i tesori sono quasi sempre in fondo al mare, il mare per Jung è l’inconscio collettivo dove risiede il patrimonio simbolico dell’umanità. Quindi, solo ri-trovando noi stessi nel mare in cui siamo immersi, anche attraverso il ri-appropriarci della lettura del simbolico, possiamo crescere come individui non più isolati. Dopo queste riflessioni, se visiterete le isolette al largo della Toscana, potrete cogliere qualcosa in più del paesaggio, qualcosa di più profondo che sfiora la vostra anima. Riflettendo sul romanzo di Dumas con questa nuova visione possiamo meglio comprendere perché da giovani si è attratti dai tesori nascosti, non si tratta solo di una questione venale.
Maria Giovanna Farina

Commenti

Post popolari in questo blog

E' interessato a te? Comprendilo dai suoi gesti

Per comunicare bisogna stabilire un codice tra noi e il nostro interlocutore: parole, scrittura, alfabeto Morse, segnali di fumo... Ci sono quattro principi fondamentali per comprendere un messaggio: 1° Non esiste una comunicazione verbale isolata, è quasi impossibile parlare senza fare alcun cenno 2° La comunicazione non-verbale invece può esistere isolata, mentre si tace ci si può toccare l’anello, i capelli, il naso... 3° Il silenzio e il rifiuto di parlare possono esprimere un messaggio, è un modo di attirare l’attenzione 4° Molto spesso non si è coscienti della propria comunicazione non-verbale La comunicazione non-verbale (i movimenti del corpo) è involontaria e accompagna ciò che si dice, senza che sia possibile dominarla completamente. È possibile invece controllare certe espressioni facciali, ma è molto più difficile tenere fermi intenzionalmente piedi e mani. La comunicazione non-verbale porta la verità nella comunicazione, è rivelatrice di bugie. E allora eccoci in vacanza. No…

Ascolta il tuo corpo

Ippocrate di Cos, padre della medicina moderna, aveva compreso già nel V secolo a.C. l’importanza dell’influenza della mente sul corpo gettando le basi della moderna Psicosomatica. Facendo un salto e giungendo al XVII secolo incontriamo Renato Cartesio che a detta di molti avrebbe inferto un duro colpo d’arresto a questo progresso con la sua divisione dell’uomo in res cogitans et resextensa. Non credo che il fine di Cartesio fosse quello di creare una separazione tra mente e corpo,ma se così fosse ricordo che il vero filosofo, amando la sapienza-conoscenza, non prende nessuna idea per buona, ma la analizza in modo razionale cercando di salvare ciò che è utile ed eliminando ciò che è dannoso per l’uomo. E’ sottinteso che per il filosofo le teorie sono suscettibili a cambiamenti. Possiamo quindi asserire che la mente è separata dal corpo quando c’è carenza di “ascolto del corpo”. Il corpo non mente, analizzando i suoi comportamenti possiamo capire meglio i nostri interlocutori. Il mio s…

Ascolta il tuo fiuto

L’olfatto è un importante mezzo di comunicazione che ci mette in contatto con il mondo. Ci sono aromi che ci attraggono positivamente come quello del pane appena sfornato o il profumo di certi fiori, per giungere all'essenza che ci spruzziamo prima di uscire di casa. Ci sono odori che ci mettono in allarme come quello di bruciato, questo richiamo olfattivo è in grado di attivare le paure più ataviche come quella del fuoco. Un odore possiede anche la capacità di renderci allegri o tristi a seconda dell’evento a cui lo associamo: se ci conduce con la mente nel passato può ad esempio ispirarci nostalgia. Ai fini specifici delle relazioni con gli altri, l’aspetto più interessante dell'olfatto come organo di senso è la sua capacità di captare i messaggi non verbali della comunicazione. Gli odori che appartengono ai nostri interlocutori sono un mezzo utile per conoscerli meglio. Chi ad esempio si spruzza molto profumo può voler comunicare il desiderio di prevaricare l’Altro, ma non …