IN CUCINA CON SOCRATE: PESCHE O DOLCETTI?



Apparenza: il dolce dell’osservazione
Non tutto è così come appare, ciò che sembra potrebbe essere altrimenti…per conoscere veramente ciò che ci circonda è necessario andare oltre quello che ci sta davanti al naso e questo dolce serve al caso nostro. Ad una prima osservazione sembrano dei dolcetti, ma se li addentiamo ci accorgiamo che sono delle pesche: abbiamo fatto il primo passo verso l’atteggiamento filosofico!
Ingredienti per 6 persone:
  • 6 pesche non troppo mature
  • 4 savoiardi
  • 80 gr di zucchero a velo
  • 50 gr di mandorle
  • 15 gr di arancia candita
  • mezzo bicchiere di vino bianco
Dividete le pesche a metà, togliete il nocciolo e un po’ di polpa per far spazio al ripieno.
Tritate le mandorle, unitele allo zucchero, ai canditi, alla polpa della pesca che avete ricavato e infine aggiungete i savoiardi sbriciolati.
Con questo impasto riempite le pesche e spolveratele con un po’ di zucchero a velo.
Ponetele in una teglia dove avrete versato il vino. Cuocete in forno a 180° per circa 30 minuti. Una volta cotte avranno l’aspetto di dolcetti, in realtà sono pesche. Sono ottime anche fredde! 

Maria Giovanna Farina


Nessun commento:

Posta un commento